Esercizi e sport in gravidanza

Scritto da Marco Putignano Il Archiviato in Blog

Sport e GravidanzaLa pratica di esercizi di ginnastica e dello sport in gravidanza non viene più ritenuta pericolosa per la salute del bambino come un tempo, anzi secondo molti medici una donna sportiva può avere molti meno disturbi durante i nove mesi di gestazione.

Avere un fisico allenato infatti può aiutare la donna a mantenere una postura migliore nonostante l’aumento del pancione e può avere risvolti positivi anche sul sistema respiratorio e su quello cardiocircolatorio riducendo, ad esempio, i gonfiori durante la gravidanza.
La presenza di una massa muscolare ben formata inoltre, può essere d’aiuto alla donna sia per non aumentare troppo di peso sia per tornare più velocemente in forma dopo il parto.

Naturalmente quando le “nostre” future mamme fanno movimento presso i Centri Misaky, seguiranno particolari precauzioni: prima di tutto la pratica sportiva durante i nove mesi di gestazione è consigliata solo a quelle donne che hanno già l’abitudine di praticare sport e sono perciò ben allenate, in caso contrario, quindi se si è completamente fuori allenamento, non è consigliabile riprendere l’attività fisica proprio durante il periodo della gravidanza. Per poter dare alle nostre clienti l’appoggio che ricercano in noi, preferiamo sentire anche il parere dei nostri medici consigliando comunque di evitare sport troppo intensi e faticosi.

Durante la gravidanza infatti sono del tutto sconsigliati sport anaerobici, come ad esempio i pesi, o comunque tutti quegli sport che prevedono balzi o sforzi che possono provocare danni al feto, si ricordano in questa categoria sport come i tuffi, la fit boxe e qualsiasi disciplina a livello agonistico, comprendendo anche la danza che prevede un carico prolungato sulla punta dei piedi arrecando uno sforzo troppo intenso per il fisico della donna.

Gli sport che invece è consigliato e possibile praticare sono quelli che prevedono un allenamento aerobico come la corsa, il ciclismo, la marcia ed il golf, anche se lo sport migliore resta senza dubbio quello che alleggerisce notevolmente il carico della colonna vertebrale…proprio per questo motivo il nostro metodo di lavoro prevede del movimento in posizione supina su un lettino o sdraiata su un fianco, per scaricare la colonna vertebrale e tutte le articolazioni; un movimento dolce, sempre seguito e assistito da personale qualificato.

È necessario, comunque, che la donna segua attentamente alcuni accorgimenti per evitare ogni tipo di pericolo per lei e per il nascituro:

  • Non superare mai il 60- 65 % della frequenza cardiaca e non fare mai sforzi tali da avere il fiatone, rischiando di provocare apnea al bambino.
  • Quando si fanno sport come la corsa o il ciclismo è necessario intervallare l’attività con periodi di riposo.
  • È molto importante che la donna esegua un riscaldamento ed un defaticamento idonei al tipo di attività sportiva che svolge, che eviti di allenarsi nelle ore più calde del giorno o in ambienti chiusi ed affollati e che mantenga sempre ben idratato l’organismo, sia prima che durante e dopo l’attività fisica.

Dopo il quarto mese di gravidanza è sconsigliato fare esercizi che prevedano di mantenere a lungo la posizione supina, arrivati a questo traguardo la donna è consigliabile che svolga l’attività fisica in maniera decrescente arrivando ad interrompere l’attività fisica intorno agli ultimi tre mesi di gravidanza.
E’ fondamentale quindi che la futura mamma capisca l’impatto dell’attività fisica svolta man mano che la gravidanza procede, rispettando il suo corpo e quello del bambino e consultando il medico in caso di qualsiasi problema, solo cosi potrà godere tranquillamente degli effetti benefici degli esercizi e dello sport in gravidanza.

Che bel bambino… e che pancia!
Non temere, anche se il tuo corpo sembra non essere tornato perfettamente in forma dopo la gravidanza, c’è sempre una soluzione.
Con Figurella Neomamme potrai perdere i chili accumulati durante la gestazione con l’utilizzo di un metodo naturale eseguibile sin dalle prime settimane dopo il parto.

 

Tags:

Trackback from your site.